Fabiola Gianotti

fabiola-gianottiFabiola Gianotti nasce il 29 ottobre del 1960 a Roma, figlia di una letterata siciliana e di un geologo piemontese. A soli sette anni, con la famiglia si trasferisce dalla Capitale a Milano, e qui frequenta la scuola media “Tommaseo”, prima di iscriversi al liceo classico delle Orsoline.

Appassionatasi alle materie scientifiche – e in modo più specifico alla fisica – grazie alla lettura della biografia di Marie Curie e alla spiegazione dell’effetto fotoelettrico da parte di Albert Einstein, per l’università sceglie proprio la facoltà di fisica.

Si laurea, dunque, alla Statale di Milano nel 1984 con indirizzo sub-nucleare, e nello stesso anno, ispirata dall’assegnazione a Carlo Rubbia del Premio Nobel, decide di iniziare un dottorato di ricerca relativo alle particelle elementari: la sua tesi di dottorato riguarderà l’analisi dei dati dell’esperimento UA2.

Nel 1987 entra a far parte del CERN di Ginevra (l’organizzazione europea per la ricerca nucleare) contribuendo a diversi esperimenti, tra cui ALEPH al LEP e UA2 al Super Proton Synchroton.

All’inizio degli anni Novanta Fabiola Gianotti comincia a lavorare sull’argon liquido e poco dopo (esattamente dal 1992) partecipa – insieme con altre migliaia di studiosi – all’esperimento Atlas, che coinvolge fisici di quasi quaranta Paesi di tutto il mondo e che ancora oggi viene ritenuto il più grande esperimento scientifico della storia.

Coordina l’esperimento Atlas dal 1999 al 2003, per poi riprendere la carica – eletta dai propri colleghi – nel 2009. Proprio nel 2009 Fabiola Gianotti è nominata Commendatore dell’Ordine al merito della Repubblica Italiana in virtù delle “sue conoscenze scientifiche e le spiccate doti gestionali con cui guida il progetto Atlas”, oltre che per il suo contributo al prestigio della comunità italiana di scienziati nel settore della fisica nucleare.

In veste di portavoce dell’esperimento, nel luglio del 2012 rende noto al mondo – nel corso di una conferenza tenuta con il portavoce dell’esperimento CMS Joseph Incandela presso l’auditorium del CERN – che è stata osservata per la prima volta una particella compatibile con il bosone di Higgs. Gianotti spiega che alcune particelle sono prive di massa – è il caso del fotone, per esempio – ma sono pura energia e in grado di viaggiare alla velocità della luce, mentre altre particelle sono dotate di massa: e se prima della scoperta il motivo di tale differenza era un vero e proprio mistero, grazie alla novità ipotizzata si è stati in grado di comprendere che essa dipende dalle varie interazioni tra le particelle e il bosone.

Sempre nel 2012, Fabiola Gianotti riceve l’onorificenza di Grande Ufficiale dell’Ordine al merito della Repubblica Italiana, mentre il Comune di Milano le conferisce l’Ambrogino d’Oro; inoltre, nello stesso periodo la studiosa si vede assegnare il Fundamental Physics Prize, con la rivista “Time” che la inserisce nella lista delle persone dell’anno, addirittura al quinto posto.

Dal 2013 Gianotti lascia la carica di portavoce dell’esperimento Atlas e viene nominata professore onorario all’Università di Edimburgo.

Nello stesso anno Peter Higgs, in occasione dell’assegnazione del premio Nobel per la fisica riconosciutogli per l’intuizione sulla particella di Dio, la vuole al suo fianco per la cerimonia. La studiosa di origini romane, in quel periodo, inoltre, riceve dalla Società Italiana di Fisica il Premio Enrico Fermi, che va ad aggiungersi al Premio Nonino, assegnatole per riconoscere “l’eccellenza di una ricerca che ha un potenziale immenso” pur essendo molte volte umiliata in Italia.

Un altro riconoscimento di prestigio è rappresentato dalla presenza del suo nome nell’elenco delle cento donne più potenti al mondo stilato come ogni anno dalla rivista “Forbes”: Gianotti è al 78esimo posto, ed è la sola italiana che compare oltre a Miuccia Prada.

Nel novembre del 2014 la fisica viene scelta dalla 173esima sessione del consiglio del CERN per la carica di direttore generale, diventando – così – la prima donna nella storia a vedersi assegnato tale incarico. La nomina viene formalizzata nella sessione del consiglio del mese successivo (mentre il mandato comincerà ufficialmente solo dal 2016, e durerà per cinque anni).

Fabiola Gianotti, che succede al tedesco Rolf-Dieter Heuer, è la terza italiana chiamata a dirigere il CERN, dopo Carlo Rubbia, in carica dal 1989 al 1994, e Luciano Maiani, in carica dal 1999 al 2003.

Il 9 dicembre del 2014 viene nominata Cavaliere di Gran Croce dell’Ordine al merito della Repubblica Italiana su iniziativa del Presidente della Repubblica Giorgio Napolitano.

Dal 1° gennaio 2016 ha assunto la direzione del Cern: il centro di ricerca, per la prima volta in oltre 60 anni, è guidato da una donna; è invece la terza volta di uno scienziato italiano.

Fonte: Sito Biografieonline


|   torna indietro   |