Il cambiamento in due anni: 1945/1946

25 aprile 1945: data della liberazione dell’Italia dal fascismo e dall’occupazione nazista.
giugno 1945: governo di Ferruccio Parri del Partito d’Azione che esprimeva tutti i partiti del CLN.
Due gravi problemi da affrontare:
– istituzionale (monarchia o repubblica? Quale forma alle nuove istituzioni dello Stato dopo il fascismo?).
– economico (produzione industriale ridotta ad 1/4 di quella del 1938-agricoltura in crisi- bilancio statale in deficit pauroso- aumento del costo della vita non sopportato dai salari).
dicembre 1945: governo di Alcide De Gasperi (D.C.) a capo di una coalizione che
comprendeva tutti i partiti del CLN, escluso il Partito d’Azione
9 maggio 1946Vittorio Emanuele III abdica a favore del figlio Umberto II e sceglie l’esilio
2 giugno 1946referendum istituzionale: i cittadini sono chiamati a scegliere tra Monarchia e Repubblica. La maggioranza degli italiani sceglie la Repubblica. Con il referendum i cittadini votano anche per l’elezione dei membri dell’Assemblea Costituente, che dovrà dare all’Italia una nuova Costituzione.

Referendum
Repubblica 12.717.928
Monarchia 10.719.284

Assemblea Costituente
Partito voti (%) seggi
D.C. 8.101.004 (35.2%) 207
P.S.I. 4.758.129 (20.7%) 115
P.C.I. 4.352.686 (19 %) 104
Unione Democratica Liberale 1.560.638 (6.8%) 41
Fronte dell’uomo qualunque 1.211.956 (5.3%) 30
P.R.I 1.003.007 (4.4%) 23
Blocco nazionale delle libertà 636.330 (2.8%) 16
Partito d’Azione 334.748 (1.5%) 7

 

13 giugno 1946: Umberto II lascia l’Italia.
18 giugno 1946: proclamazione ufficiale della Repubblica.
28 giugno 1946: Enrico De Nicola viene nominato capo provvisorio dello Stato.

1946-7-1- Insediamento De Nicola
13 luglio 1946: nuovo incarico a De Gasperi per il governo.
De Gasperi compie un viaggio in America dove ottiene il sostegno americano per la ricostruzione dell’Italia (100 milioni di dollari e interventi economici del Piano Marshall, operazione economica del Segretario di Stato Americano per la ricostruzione dei paesi europei devastati dal conflitto con l’obiettivo politico di scongiurare eventuali tentazioni rivoluzionarie)

Inizia la Ricostruzione anche materiale dell’Italia.