La Chiesa e la guerra

“Il quinto comandamento proibisce la distruzione volontaria della vita umana. A causa dei mali e delle ingiustizie che ogni guerra provoca, la Chiesa con insistenza esorta tutti a pregare e ad operare perchè la Bontà divina ci liberi dall’antica schiavitù della guerra.

Tutti i cittadini e tutti i governanti sono tenuti ad adoperarsi per evitare le guerre.

“Fintantochè esisterà il pericolo della guerra e non ci sarà un’autorità internazionale competente, munita di forze efficaci, una volta esaurite tutte le possibilità di un pacifico accomodamento, non si potrà negare ai governi il diritto di una legittima difesa”

Si devono considerare con rigore le strette condizioni che giustificano una legittima difesa con la forza militare. Tale decisione, per la sua gravità, è sottomessa a rigorose condizioni di legittimità morale. Occorre contemporaneamente:

– che il danno causato dall’aggressore alla nazione o alla comunità delle nazioni sia durevole, grave e certo.

– che tutti gli altri mezzi per porvi fine si siano rivelati impraticabili o inefficaci.

– che ci siano fondate condizioni di successo.

– che il ricorso alle armi non provochi mali e disordini più gravi del male da eliminare. Nella valutazione di questa condizione ha un grandissimo peso la potenza dei moderni mezzi di distruzione.

Questi sono gli elementi tradizionali elencati nella dottrina detta della “guerra giusta”.

La valutazione di tali condizioni di legittimità morale spetta al giudizio prudente di coloro che hanno la responsabilità del bene comune.”

 

(Catechismo della Chiesa Cattolica, Libreria Editrice Vaticana, Città del Vaticano, 1992)