Michele Valensise

michele-valensiseL’Ambasciatore Michele Valensise entra in carriera diplomatica nel 1975.

Alla Farnesina ha prestato servizio alla Direzione generale degli affari economici. Nel 1978 è all’Ambasciata d’Italia a Brasilia, come responsabile del settore economico e stampa. Nel 1981 è trasferito all’Ambasciata d’Italia a Bonn, con competenze sulle questioni di cooperazione politica europea. Dal 1984 al 1987, durante la guerra civile libanese, è Consigliere all’Ambasciata d’Italia a Beirut, con funzioni vicarie del capo missione.

Rientrato a Roma, dal 1987 al 1991 è capo della Segreteria del Sottosegretario agli Esteri Susanna Agnelli.

Dal 1991 al 1997, a Bruxelles alla Rappresentanza permanente d’Italia all’Unione europea segue le relazioni con i paesi mediterranei e balcanici. All’inizio del 1997 è trasferito a Sarajevo in qualità di Ambasciatore d’Italia in Bosnia Erzegovina, subito dopo la cessazione delle ostilità e il dispiegamento della Forza multinazionale di stabilizzazione.

Di nuovo a Roma nel 1999 è capo dell’Ufficio per i rapporti con il Parlamento e poi capo di Gabinetto del Ministro Lamberto Dini.

Dal 2001 al 2004 capo del Servizio stampa e informazione e portavoce del Ministro degli Esteri.

Dal 2004 al 2009 è Ambasciatore d’Italia in Brasile. Nella primavera del 2009 è nominato Ambasciatore d’Italia a Berlino.

Da luglio 2012 a marzo 2016 è Segretario Generale della Farnesina. Da aprile 2016 è Vice Presidente di Astaldi SpA.


|   torna indietro   |